Bianca e Celeste

BIANCA E CELESTE

C’erano una volta Bianca e la sorella Celeste, con caratteristiche molto differenti tra loro.

Bianca aveva 19 anni e frequentava l’università estetica di Borgo Bislacco, mentre Celeste aveva 16 anni e frequentava il liceo classico. La prima aveva un carattere molto vivace, mentre la seconda era molto intelligente e secchiona.

Un giorno, Bianca scese dalla sua casa sull’albero e partì per un giretto con le sue amiche, lasciando la casa tutta disordinata.

Mentre si allontanò dall’abitato, arrivarono delle piccole creature, i 7 nani. Loro salirono nella casa di Bianca e la misero in ordine. Appena Bianca tornò a casa vide la casa tutta in ordine e si meravigliò. I nani si nascosero dietro un’anta dell’armadio di Bianca e poi apparvero davanti ai suoi occhi. Lei si stupì e si presentò ai suoi nuovi amici. I sette nani si chiamavano: Cucciolo, Brontolo, Mammolo, Dotto, Eolo, Gongolo e Pisolo.

I nani incuriositi vollero sapere di più di Bianca e chiacchierarono per un po’. Quando seppero della sorella, la vollero vedere e vollero parlarle, andarono a casa sua per conoscerla meglio e la trovarono sul letto intenta a studiare.

Celeste aveva capelli lunghissimi e morbidissimi, però non riusciva a studiare per colpa dei capelli negli occhi, Bianca era invidiosa dei suoi capelli e questo le metteva tristezza.

Un giorno, Pisolo andò nel bosco a cercare una soluzione per bianca e trovò una scarpetta d’oro. Quando tornò a casa, la diede a Bianca che l’indossò e i suoi capelli iniziarono a crescere lunghissimi e morbidi…

Da quel momento le due sorelle vissero entrambe felici e contente.

Marta, Federica, Lorenzo
classe 1^C San Sebastiano Curone

AVVISO A DOCENTI E GENITORI:
La funzione strumentale comunicazione di Ic_Viguzzolo invita docenti e genitori a stimolare i bambini e i ragazzi a produrre contenuti per il nostro giornalino scolastico.
Si possono raccontare esperienze avvenute a scuola, in gita oppure durante il tempo libero. Chi se la sente può anche approfondire alcuni argomenti del programma, a mo' di ricerca.
I bambini della scuola dell'infanzia e dei primi anni della primaria possono invece realizzare qualche disegno che sarà poi cura degli adulti completare con una breve descrizione di come è stato realizzato e perché, interpretando con le parole quanto il bambino ha voluto esprimere attraverso il disegno.
Ogni plesso fa riferimento al proprio docente fiduciario. Per ulteriori informazioni potete contattarci via mail all'indirizzo: comunicazione@comprensivoviguzzolo.it

Post Comment