Lettera ai nostri “idoli” – Ultimo

Caro Ultimo,

ti scrivo perché volevo dirti cosa penso di te e quale sarebbe il mio sogno.

Tanto per iniziare, spero che con questa lettera capirai che sei il mio cantante preferito, perché fra tutti tu sei quello che riesce a farmi piangere quando ascolto alcune delle tue canzoni, ma sopratutto quando sono nervosa o arrabbiata tu riesci a farmi sorridere.

Io ti ammiro e ti apprezzo per tutto quello che fai, la prima volta che ti ho visto al Festival di Sanremo non andavo del tutto matta per le tue canzoni, forse anche perché magari erano le prime. Però quando suonavi il piano… lì sì che mi piacevi di più. Dopo un bel mesetto ho incominciato a capire il significato di quello che scrivevi e da lì non ho più smesso di ascoltarti.

Il più bel ricordo che ho di te è quando hai vinto il Festival di Sanremo e hai detto che dedicavi questo risulatato a tuo fratello perché era malato e che con i soldi vinti avresti provato a fargli fare qualche cura sperimentale. Ho letto l’intervista, dove racconti la tua vita da piccolo: vivevi in mezzo ad una strada.

Alla tv ho anche sentito che sei ipocondriaco, che hai paura delle malattie e, quando ho visto lo scherzo delle Iene che ti hanno detto che eri malato e tu ti sei messo a piangere, mi sono divertita un sacco.

La cosa che mi piace più di te è quando parli in romano o quando canti o anche quando suoni il piano, ma sopratutto mi piacciono i tuoi tatuaggi. I miei preferiti sono il colpo della pistola tatuato dalla parte del cuore o anche quello sul collo che hai fatto da poco dove c’è scritto “Lasciateme cantà”. Non so se è scritto così, se un giorno leggerai la mia lettera, sarei felice che mi correggessi il nome del tatuaggio. Mi piace anche il tuo carattere perché sei aperto e forte allo stesso tempo.

Anche il tuo nome d’arte è molto significativo perché hai raccontato che tu sei sempre arrivato “ultimo” in tutto e per una volta però tu sei arrivato primo.

Le mie canzoni preferite sono “Rondini al guinzaglio” e “Ipocondria”. Ti vorrei chiedere il significato dei tuoi album che sono:”Peter Pan” e “Colpa delle Favole“. Ah… farai un nuovo album? Come si intitolerà?

Dimenticavo, io sono Giorgia una tua grande fan. Spero un giorno di poter assistere a un tuo concerto. Per Natale ho chiesto i biglietti per venirti a vedere assieme alla mia migliore amica Maddalena, penso che se i miei genitori avverassero il mio sogno, io mi metterei a piangere di sicuro. Ci vediamo presto.

Cari saluti
La tua fan Giorgia

Foto: Facebook

AVVISO A DOCENTI E GENITORI:
La funzione strumentale comunicazione di Ic_Viguzzolo invita docenti e genitori a stimolare i bambini e i ragazzi a produrre contenuti per il nostro giornalino scolastico.
Si possono raccontare esperienze avvenute a scuola, in gita oppure durante il tempo libero. Chi se la sente può anche approfondire alcuni argomenti del programma, a mo' di ricerca.
I bambini della scuola dell'infanzia e dei primi anni della primaria possono invece realizzare qualche disegno che sarà poi cura degli adulti completare con una breve descrizione di come è stato realizzato e perché, interpretando con le parole quanto il bambino ha voluto esprimere attraverso il disegno.
Ogni plesso fa riferimento al proprio docente fiduciario. Per ulteriori informazioni potete contattarci via mail all'indirizzo: comunicazione@comprensivoviguzzolo.it

Post Comment